musica

" E' un'illusione che le foto
si facciano con la macchina...
si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa."
Henri Cartier-Besson

Spero che le mie siano di vostro gradimento.



venerdì 31 gennaio 2014

I luoghi del processo di Norimberga (dicembre 2013)

A dicembre scorso siamo stati a Norimberga. Il tragico capitolo della dittatura nazista e dei crimini perpetrati agli Ebrei  viene documentato  nel museo "Memorium Nürnberger Prozesse" ospitato nel Palazzo di Giustizia, in cui nel 1946 vennero processati i criminali del regime nazista.
Prima di partire avevo voluto documentarmi vedendo il film Vincitori e Vinti con Spencer Tracy e Marlene Dietrich.  Nel 1948, un magistrato americano, interpretato da Tracy,  deve giudicare quattro "colleghi" tedeschi accusati di aver applicato leggi  inique al punto da aver consentito  orrende sperimentazioni mediche su prigionieri e favorito la persecuzione del popolo ebreo. Ma naturalmente nessuno sapeva niente.....Tutti erano all'oscuro....
Con la metro U1, fermata Barenschanze, si raggiunge il Tribunale di Norimberga. Noi siamo andati di domenica perchè la "famosa sala 600", dove si svolse il processo,  viene utilizzata durante la settimana  per le udienze  e spesso potrebbe non essere  visitabile. Ci hanno fornito un'audioguida  per poter vedere non solo quest'aula  ma anche seguire un percorso attraverso dei pannelli illustrativi corredati da foto e filmati. Ci vogliono circa due ore per poter  visionare  tutto con una certa attenzione.
Indirizzo:
Bärenschanzstraße 72 
 
Sala  600 dove si svolse il Processo di Norimberga





facciata esterna del Palazzo di Giustizia


Le quattro finestre dell'aula 600

16 commenti:

  1. Αγαπημένη μου Erika
    Πολύ ενδιαφέρον το σημερινό σου ρεπορτάζ για την δίκη της Νυρεμβέργης.
    Με τις εξαιρετικές σου φωτογραφίες, έμαθα πολλά γι αυτό.
    Σ΄ευχαριστώ, γιατί δεν έχω πάει εκεί.
    Πολλά φιλάκια και καλό Σαββατοκύριακο!

    RispondiElimina
  2. deve essere stato emozionante visitare quei luoghi

    RispondiElimina
  3. Immagino avrà fatto un certo effetto entrare in quella sala.
    Un bacio cara Erika e complimenti per le foto.
    Miky

    RispondiElimina
  4. meglio non dover entrare in quella stanza...ciao

    RispondiElimina

  5. Hello, EriKa Napoletano.

    Good feeling works.
    Thank you for your support all the time.

    A nice February.
    Greeting
    From Japan, ruma ❃

    RispondiElimina
  6. Fa un certo che indubbiamente…un pezzo di storia che non si può dimenticare…
    Un strucon
    Cinzia

    RispondiElimina
  7. Bonsoir et bien un endroit que de nombreuses personnes ne vont pas oublier c'est certain et pensons ç ces personnes qui ont souffert pour rien
    Je t'embrasse ERIKA

    RispondiElimina
  8. Bonsoir chère Erika!
    L' histoire est souvent très triste ...
    Merci pour ton billet!
    J'espère tu vas bien et ton mari mieux!
    Passe un bon weekend!
    Bisou

    RispondiElimina
  9. Milioane de oameni au murit atunci din cauza nebuniei si prostiei unora. Acum se practica in special nazismul economic si exterminarea economica. S-a schimbat doar forma de exterminare.

    RispondiElimina
  10. Cara Erika, un bel reportage...e sicuramente quei luoghi non si dimenticano
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Deve essere interessante stare sul posto che ha contenuto tali eventi forti della storia. Grazie per condividere la tua esperienza. Saluti, Erika.

    RispondiElimina
  12. Bon dimanche ma Belle!
    Je t' embrasse!

    RispondiElimina
  13. A very nice report Erika!

    Hope you'll have a great Sunday!
    http://dzjiedzjee.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. ❀✻❀ ✰ ✰ ✰ ❀✻❀
    Un petit bonjour chez toi chère Erika !!
    J'aime tes photos. MERCI.
    GROS BISOUS D'ASIE
    Bonne semaine
    ❀✻❀ ✰ ✰ ✰ ❀✻❀

    RispondiElimina
  15. Je viens te dire bonjour ERIKA et j'espère que vous allez bien je t'embrasse

    RispondiElimina
  16. Un processo tristissimo che ha ricordato tante brutalità, ma delle quali è importante mantenere il ricordo. Tu l'hai fatto in modo insolito e straordinario pubblicando le foto di quel luogo finalmente di giustizia.

    RispondiElimina

grazie